Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 
 HOME > salute ambiente    NOTIZIE On Line
 

La batteria ecologica? Va ad aria

In Israele un gruppo di scienziati è riuscito a creare un accumulatore che sfrutta i due elementi più abbondanti sul pianeta: il silicio e l'ossigeno


Gli scienziati del Technion Institute of Technology di Haifa, in Israele, hanno messo a punto un tipo di batteria che promette un maggior rispetto dell’ambiente, di funzionare continuativamente per "migliaia di ore" e di mantenere inalterata la propria carica per periodi di tempo molto lunghi.
Si tratta di una batteria basata su ossigeno e silicio che, oltre ad utilizzare i due elementi più abbondanti sul nostro pianeta, è leggerissima, presenta una buona tolleranza alle condizioni di umidità dell'aria e, non ultimo, è economica da produrre. Tutti vantaggi che deriverebbero dal fatto che in queste batterie silicon-air l'anodo è fatto di silicio e il catodo di... aria, o per meglio dire di ossigeno.
"Nelle batterie metallo-aria si ha un significativo risparmio in termini di peso e costi perché non incorporano un catodo", ha spiegato il professor Yair Ein-Eli della Facoltà di Ingegneria dei Materiali del Technion, che da anni compie ricerche sulle batterie metallo-aria. "In questo tipo di batterie (incluso quello silicio-aria, NdR), il catodo è l'ossigeno che proviene dall'atmosfera passando attraverso una membrana".
Ein-Eli ha aggiunto che stanno lavorando già da tempo per adattare queste batterie alle auto elettriche e ai dispositivi elettronici di consumo, e che di recente Toyota e Panasonic hanno unito le forze per sviluppare batterie zinco-aria.
Il principio di funzionamento di tutte le batterie che utilizzano l'ossigeno come catodo è sostanzialmente identico, ma l'uso del silicio al posto di un metallo, secondo Ein-Eli, fornirebbe però numerosi vantaggi perché il silicio è un materiale più comune e stabile, non pericoloso, leggero e con una più elevata capacità di carica.
Per il momento le batterie silicio-aria sono state concepite come pile non ricaricabili da utilizzare in dispositivi elettronici mission-critical, come ad esempio le pompe insuliniche per i diabetici, e in altri device dove è difficile se non impossibile cambiare la batteria.
I ricercatori israeliani contano di sviluppare versioni ricaricabili di queste batterie entro tre anni, e di produrne modelli commerciali per le automobili entro dieci.
(Fonte: punto informatico)


Cristina Moretti


(09-12-2009 07:25)



 
[ stampa ]  [ archivio ]  [ home ]

Professioni del futuro, un manager dell'innovazione "partecipata" per vincere le sfide tecnologiche e riguadagnare competitività

L’Umbria verso l’annullamento del digital divide

Con la app “Museo Siena”, il Museo Civico di Siena come non lo avete mai visto

In Umbria torna la rassegna delle tecnologie low cost

La community della ricerca, Innovitalia

In Umbria, quattro cluster tecnologici nazionali strategici per lo sviluppo