Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 
 HOME > societa protezione civile    NOTIZIE On Line
 

Ecco la prima spiaggia tecnologica ed ecosostenibile

E' partito nella Riviera Romagnola il progetto Tecnospiaggia che consente di dotare gli stabilimenti balneari di servizi tecnologici innovativi: telegestione degli ombrelloni fotovoltaici, connettività wifi, ricarica dei veicoli elettrici, telesoccorso


Ombrelloni fotovoltaici telegestiti da remoto, connettività wifi per il collegamento a Internet, un sistema di videosorveglianza per la prevenzione dei furti, il telesoccorso per il salvataggio e la sicurezza dei bagnanti e dei turisti. E ancora: totem interattivi in grado di inviare foto e cartoline elettroniche dalla spiaggia e di fornire in tempo reale informazioni turistiche e di pubblica utilità, webcam panoramiche, la ricarica per biciclette e mezzi elettrici, le informazioni meteo e sulla qualità dell'aria e i sistemi per l'efficienza energetica degli impianti di illuminazione.
Prende il via nella Riviera Romagnola la prima Tecnospiaggia, il progetto sviluppato da Telecom Italia e Umpi che, attraverso una piattaforma “intelligente” della Nuvola Italiana, consente di dotare gli stabilimenti balneari di servizi tecnologici innovativi in grado di rendere le spiagge più sicure, efficienti ed ecosostenibili.
La prima Tecnospiaggia italiana è stata inaugurata il 31/05 a Bellaria - Igea Marina (RN) dal sindaco Enzo Ceccarelli e dall'amministrazione comunale, alla presenza del consigliere della Regione Emilia Romagna Roberto Piva.

Il progetto unisce la tecnologia a onde convogliate PLC (PowerLine Communication) sviluppata da Umpi con i servizi della Nuvola Italiana di Telecom Italia e fornisce le soluzioni ai gestori degli stabilimenti balneari e alle amministrazioni pubbliche interessate, permettendo loro l’erogazione, la gestione e il controllo dei servizi da remoto, senza la necessità di investimenti in infrastrutture di ICT, ottimizzando costi e prestazioni.

Il progetto Tecnospiaggia è volto a dare nuovo impulso a un settore, quale il turismo, strategico per la ripresa dell'economia nazionale, puntando sull’innovazione tecnologica “Made in Italy” e la sicurezza.
L’iniziativa si rivolge ai 12.000 stabilimenti balneari italiani, puntando a un mercato potenziale di 650 milioni di euro con tecnologie e servizi innovativi che consentiranno al Sistema Paese di porsi all’avanguardia a livello mondiale.

"Il progetto Tecnospiaggia - spiega Luca Cecchini, Presidente di Umpi - rappresenta un'opportunità unica per la nostra Riviera che può rilanciarsi attraverso l'innovazione e i servizi, divenendo un modello in grado di creare nuove risorse per il sistema locale e nazionale. Con una simile proposta, poi, sarà più facile attirare sulle nostre coste il turista straniero, molto più orientato ai servizi e alla multimedialità di quanto non sia quello italiano".

“Questa iniziativa conferma l’importanza dell’ICT quale fattore abilitante per l’innovazione e lo sviluppo economico del Paese - dichiara Stefano Nocentini, Responsabile Marketing Top Clients and Public Sector di Telecom Italia -. E’ un progetto italiano che unisce creatività ed eccellenza tecnologica, e il cui valore è tanto più elevato in quanto, grazie al Cloud Computing, è in grado di mettere a disposizione anche di realtà di piccole dimensioni soluzioni all’avanguardia a beneficio di turisti, cittadini, imprese e istituzioni pubbliche”.

Tecnospiaggia amplia l'offerta di soluzioni per il territorio "intelligente" sviluppate da Telecom Italia sulla Nuvola Italiana.


(05-06-2012 15:06)



 
[ stampa ]  [ archivio ]  [ home ]

Professioni del futuro, un manager dell'innovazione "partecipata" per vincere le sfide tecnologiche e riguadagnare competitività

L’Umbria verso l’annullamento del digital divide

Con la app “Museo Siena”, il Museo Civico di Siena come non lo avete mai visto

In Umbria torna la rassegna delle tecnologie low cost

La community della ricerca, Innovitalia

In Umbria, quattro cluster tecnologici nazionali strategici per lo sviluppo